Il cappello in feltro un accessorio unico

Il cappello di modisteria

Il cappello in feltro è un accessorio prezioso e versatile.

Può accompagnare un look classico, ma anche senza indecisione look attuali e giovanili.

Dalla classica Fedora all’attuale Trilby lo potrete indossare in ogni momento per esprimere la vostra individualità.

Un romantico cappello ad ampia tesa per donna o una irriverente bombetta, un classico pork pie per lui o una sportiva Fedora qualsiasi sia la vostra scelta esalterà la vostra personalità.

Scegliete il vostro cappello con attenzione e trattatelo con cura, vi ripagherà diventando il compagno delle vostre avventure per lunghi anni.

Un cappello in feltro di modisteria è un cappello al quale sono state dedicate lunghe ore di lavoro. 

La scelta attenta dei materiali, la formatura con vapore, la posatura su forme in legno sino a quando abbia assunto la sua forma desiderata, il taglio della tesa e la cucitura di ogni particolare rigorosamente a mano renderanno il vostro cappello un unico, insostituibile compagno, un accessorio con un tocco in più.

Alcuni dei modelli citati li potete vedere qui https://unsognointesta.it/cappelli-invernali/


Il trilby, cappello intramontabile per uomo e donna. E tu indosseresti un fantastico trilby?

Trilby in paglia di carta nero sbiadito con nastro gross grain nero
Trilby

Il trilby è un cappello intramontabile, amato da uomini e donne.

Il trilby è molto simile al Borsalino, ma se ne differenzia per la tesa molto più stretta e lievemente rivolta all’insú nella parte posteriore.

Questo particore lo rende un pochino irriverente: ed è questo il motivo per cui è amato dai giovani.

Un cappello privo di formalità che si indossa con piacere ed infatti lo troverete in molte foto indossato dalle star del mondo dello spettacolo.

Il trilby é il preferito di ragazze e ragazzi  che lo portano in svariati colori, nella versione invernale in feltro ed in quella simpaticissima in paglia.

Nella foto potete vedere una versione  di un trilby molto particolare in una paglia scolorita sino per ottenere un effetto “scolorito al sole” Il cappello è poi rifinito con un brillante nastro rosso e contrariamente al solito la tesa è bordata con nastro gossgrain grigio e come ultimo arricchimento  è anche decorata con una cucitura rossa.

Il cappello in foto è davvero l’esmpio di come un trilby si presti ad ogni rivisitazione.

Un cappello moderno dunque, attuale, attualissimo,  ma con  una sua storia, come tutti i cappelli, in fin dei conti.

Il  suo nome deriva da una commedia teatrale messa in scena nel 1894,  “Trilby” di George du Maurier,   durante la prima rapresentazione la protagonista indossava un cappello simile.

Inizialmente il cappello era quindi indossato solo dalle donne.

Fu solo intorno agli anni 20 che questo modello iniziò a diventare popolare tra gli uomini tanto  da divenire un cappello esclusivamente maschile. Stranamente le donne erano state escluse dall’indossare questo copricapo, che invece era nato proprio su una testa femminile.

Il trilby ora è a pieno titolo  unisex e l’altra metà del cielo si è riappropriata di un cappello che, a parer mio, è davvero splendido nella sua capacità di essere antionformista.

Un piccolo consiglio: se desiderate un trilby compratelo e mettetelo, non lasciatevi fermare dall’idea che sia troppo giovanile: il cappello in foto l’ho visto indossato da una elegante e matura signora ed era un binomio perfetto!

Quindi osate perché il trilby sta bene a tutti e a tutte.