Moda etica e cappelli. Scegliere non solo per l’estetica

decorazioni in pura seta esempio di moda etica
Decorazioni fatte a mano

Io faccio cappelli perché mi piace farli e cerco di farli al meglio delle mie capacità, ma altrettanto importante è che io ritenga si collochino in un settore di moda etica.

Da alcuni tempi si fa un gran parlare di moda etica,penso ci si debba accostare ad essa con serietà.

Anche quando si fanno solo cappelli, ,anche solo per passione.

Forse ad un primo guardare non vi paiono poi molto diversi da quelli che trovate in qualsiasi negozio di una grande catena della vostra città, potreste anche preferire quelli dei marchi, competitivi nel prezzo e nella varietà di colori e modelli.

Ciò che è importante nel mio cappello e che lo rende morale non è la decorazione più bella, curata e neppure il fatto che non è prodotto in serie bensì un pezzo unico.

Certo ci sono questi elementi ed io amo quando, dato l’ultimo punto, tagliato l’ultimo filo, so che quel cappello è unico ed è stupendo. Scegliere  per ogni creazione un nastro piuttosto che una piuma, un colore piuttosto di un altro, questo è cio che amo fare.

Ma non è cio che dovreste amare voi, o almeno non è solo quello che dovreste amare. La differenza vera, importante é questa:
io non ho  prodotto il mio cappello usando il lavoro di donne e bambini e uomini sottopagati e trattati come schiavi.

Il mio è un semplice manufatto magari non più bello di quello delle grandi catene di moda, ma ho usato solo il mio lavoro, la mia fatica, il mio sacrificio, con una scelta libera.

Il mio cappello potrebbe anche non essere fatto meglio di ciò che potreste trovare nei mille negozi che sono in tutte le città.

Forse potrebe piacervi meno, in fin dei conti non esiste in tutte le misure ed in ogni variante di colore, tessuto, decorazione.

Effettivamente la produzione industriale ha i suoi vantaggi: varietà a non finire.

Io produco individualmente, non posso battere la grande distribuzione, non offrirò mai la stessa varietà di un identico articolo.

ll mio cappello handmade non é probabilmente neppure conveniente nel prezzo.

Non posso fare economie.

Il materiale che impiego ha dei cisti, elevati perché di qualitá.

Non godo di sconti perché non acquisto in grande quantità.

Non posso produrre molto, lavorando da sola, quindi ogni prodotto viene a costarmi di più rispeto a chi può crearne un grande numero.

L’unico elemento sul quale posso risparmiare è il mio lavoro.

In ogni caso devo però retribuire il mio impegno.

Con tutti questi limiti ciò che io creo è un cappello etico e forse pare scomodare una parola troppo nobile per un accessorio di moda,  ma in fin dei conti non è così.

Rifiutare forme di lavoro indignitose, compete ad un campo elevato, compete alle scelte morali.

Perché ci rimanda al tipo di società in cui vogliamo vivere

Preferisco avere un guardaroba pieno di ogni cosa, tantissimi cappelli ad esempio,  a poco prezzo, creati sfruttando il lavoro e la salute altrui?

Bene ho fatto la mia scelta per la sicietà in cui ritengo adeguato vivere.

Accetto di poter vivere con un numero minore di abiti, accessori e quant’altro, ma prodotti in modo più etico?

Anche qui ho fatto la mia scelta di società.

Possiamo forse dirci che in fin dei conti si tratta solo di abiti e cappelli e orecchini e che non con questi si fa la storia.

No, anche con questo si fa la storia: perché dove si genera sfruttamento, povertà, laddove l’ingiustizia e la diseguaglianza sono sistema di vita, lá nasce violenza ed anche il nostro piccolo mondo, con il nostro amato guardaroba non ne sarà indenne.

Per questo anche un cappello può dare la differenza, per questo possiamo scegliere una moda etica.

E tutti coloro che vi offrono creazioni fatte a mano, insieme al loro lavoro ed alle loro abilità, vi offrono un pezzettino di moralità.

E non è poco.

 

Borsalino bianco per uomo

Cappello uomo in paglia di carta colore bianco modello borsalito doppio nastro in griss grain grigio e rosso
Cappello uomo estate. stile borsalino

Un borsalino estivo per lui, ma anche adatto ad una lei, un colore non colore che meglio non potrebbe richiamare alla memoria luoghi assolati.

Un cappello  reso particolare dal doppio nastro in gross grain, grigio e rosso.

Il giusto cappello per attenuare con stile il caldo estivo.

Cappello donna in paglia rossa

Cappello donna in paglia di carta rossa con nastro e foocco rosso scuro in seta artificiale esul nodo fiocco rametti di lavanda.
Cappello per donna in paglia rossa

Un cappello da donna in laglia di carta, color rosso fragola, con nastro in voile rosso scuro chiuso a fiocco. Sulla chiusura dei rametti di lavanda essiccata a richiamare l’estate.

La linea  fresca e semplice del cappello lo rende versatile  e adatto ad ogni volto, il colore ravviva l’incarnato e si abbina sia ad abiti cittadini che ad un look  da mare.

La paglia di carta è meno impegnativa del parasisal o di altre paglie più pregiate e rende il cappello adatto ad ogni momento della giornata.

Cappello uomo in paglia

Cappello in paglia colore naturale uomo Guarnizione in grosgrain color ocra fiocco chiuso in grosgrain rigato .Hat man natural color straw with grosgrain ribbon ocher stopped and closed in grosgrain striped.Hat man natural color straw with grosgrain ribbon ocher stopped and closed in grosgrain striped.
Cappello in paglia uomo

 

Un materiale semplice e naturale come la paglia di mais per un classico cappello fedora maschile rifinito con un nastro in grosgrain in un originale color ocra. Un tocco di estrosità nella chiusura a righe del fiocco.

Per una estate al riparo dal sole con un punto di originalità.

 

 

 

 

La bombetta! Eleganza ed estrosità unite

Felt hat bowler
Bombetta

La bombetta il cappello arrotondato che coniuga eleganza ed estrosità.

La sua storia è davvero curiosa. Si racconta che nel 1849 uno dei fratelli del Conte di Leicesters, Edward Coke ordinò alla cappelleria londinese James Lock & Co di confezionargli un cappello adatto ai guardiacaccia di Holkham Hall a Norfolk.
Quelli già in uso si riteneva offrissero una scarsa protezione da oggetti cadenti, rami e cacciatori di frodo.
Il negozio rimbalzò l’ordine ai fratelli Thomas e William Bowler che realizzarono il famoso copricapo in feltro nero al quale dettero il proprio nome: bowler, bombetta in italiano.

La leggenda racconta che quando Coke si recò a visionare il cappello ordinato per metterne alla prova la resistenza lo calpestò.
Quando vide che il feltro e la tonda cupola resistettero all’urto acconsentì ad acquistarlo.

Ma la storia della bombetta seguì altre vie perché non furono certo i guardiacaccia ad usarlo e a farne la fortuna.
Questo cappello di feltro dalla linea arrotondata e dalle dimensioni contenute generalmente nero o grigio fu in breve adottato dai banchieri e finanzieri della city, anzi bombetta ed ombrello divennero il simbolo di questa classe sociale: come non ricordare Mr. Banks in Mary Poppins?

La sua linea accattivante e semplice ha catturato politici come Winston Churchill, artisti come Henri de Toulouse-Lautrec, amatissima da  Magritte ://magritte la bombetta E che dire delle bombette di Stanlio e Olio? E Chaplin?

Anzi la bombetta utilizzata da Chaplin  durante  le   di “Tempi moderni” è stata battuta all’asta a cifre da  capogiro.

La bombetta ha una vita lunga e avventurosa potremmo dire: varcò l’oceano e  giunse nel nuovo mondo dove fu la preferita di molti personaggi del west perché più comoda del tradizionale cappello da cowboy: calzava bene e non volava via con il vento.
Butch Cassidy e Billy the Kid ne furono grandi amanti.

La troviamo in tempi più recenti immortalata nei Drughi di Arancia Meccanica.

Un grande percorso per questo cappello così essenziale.

 

Bombetta verde brillante appoggiata a candelabro
Bombetta verde brillante

 

Ed oggi bowler in colori brillanti possono trovare estimatori anche in pubblico che non  si accontenta di un’eleganza classica, ma cerca quel pizzico di follia in più capace di portare il sorriso e rendere speciale anche la più anonima delle situazioni.

 

 

.

 

 

Cloche in feltro lavorato acqua e sapone

 

Un cappello modello cloche in pura lana merinos infeltrita a mano con acqua e sapone di Marsiglia. Un cappello classico, dal colore accattivante illuminato da un nastro in velluto turchese. Il pregio del feltro lavorato a mano è quello di una grande morbidezza.

Cloche hat felt handmade water and soap
Cloche in feltro lavorato a mano, acqua e sapone

Cappello stile bowler verde

Bowler green hat felt
Bowler green, cappello a bombetta in feltro verde

Ogni tessuto, ogni colore, sceglie che cappello vorrà essere. Così le tue mani seguono le indicazioni del materiale, e quel capoello che nasce, non avrebbe potuto essere diverso.

Così questo feltro verde non avrebbe potuto essere diverso, una bombetta!

UN colore pazzo ed una forma pazza? No, meglio smorzare il colore e condurlo ad essere un cappello accettabile.

Invece no, le mani hanno seguito la volontà del signor FELTRO VERDE ed è nato.

Un cappello perfetto, colore e forma indivisibili.

È nato il mio cappello più simpatico, quello che non posso fare a meno di indossare.